Poesie sulle donne

Nuovi autori:

Poesie sulle donne
a tema:

Speciali sulle donne:

Autori piu' pubblicati:


Archivio poesie:

Gli autori:

La sofferenza di una ragazza violentata

sergio garbellini

Mentre tu mi penetravi
con brutale eccitazione,
io vedevo la mia vita
sottomessa all’aggressione!

Ho subito una violenza
con i pugni e la minaccia,
per la tua crudele azione
porto ancora i segni in faccia!

Con la mano sulla bocca
m’impedivi di gridare,
te l’ho morsa tante volte ...,
per costringerti a scappare!

M’hai lasciato stesa in terra
lamentandomi stordita,
nel rialzarmi ho poi notato
ch’ero tutta una ferita!

M’hai rubato il cellulare
ed i soldi dalla tasca,
ma il motivo non è questo
perché ho l’animo in burrasca!

...Una donna assai gentile
m’ha portato all’ospedale
dove ho fatto la denuncia
con la firma sul verbale!

In questura ho controllato
varie schede di furfanti,
c’era pure quella tua,
stava sotto, in fondo a tanti!

Se ti prendono, purtroppo,
la condanna è marginale
in rapporto a quest’immane
sofferenza che mi assale!

Quando un giorno uscirai
di prigione certamente
avrai già dimenticato
quella scena deprimente

mentre io mi porto dietro
un’offesa corporale
che mi renderà per sempre
un calvario personale

che ha distrutto la mia vita,
sento il cuore sofferente
per la mente che ogni volta
ti rivede ancor presente

sul mio corpo martoriato
dall’ignobile violenza
e mi chiedo: “Perché mai
quest’orribile sentenza?”

Il futuro sarà sempre
vincolato a quella scena
che col buio, ad ogni notte,
non mi rende più serena!

Ogni volta che ci penso
mi rigiro dentro il letto
e ti mando tanti insulti,
brutto verme maledetto!

Tu che vivi la tua vita
senza avere una coscienza,
m’hai costretto, con orrore,
a subire un’indecenza!

Sei soltanto un gran vigliacco
che non sa cos’è l’amore
e ricorri ad un abuso
per godere nell’orrore!
...
Per la vittima innocente
è lo stupro una violenza
che dissemina nel cuore
un’eterna sofferenza!

sergio garbellini | Poesia pubblicata il 20/01/18 | 185 letture

Nota dell'autore:

«Quando una ragazza viene aggredita e sente le braccia di un individuo sconosciuto sul suo collo, avverte un attimo di smarrimento e di paura per l’improvviso cambiamento del suo vivere. In seguito alla scena di violenza il suo stato psicologico viene violentato insieme al corpo in un susseguirsi di sensazioni strane e brutali da sentire il proprio corpo volare in basso nel vortice di un baratro spaventoso e incosciente. Sono varie le sensazioni che si provano, ma tutte collegate al terrore di ciò a cui è stata sottoposta, una violenza è qualcosa di terribile che violenta anche la psiche.»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di sergio garbelliniPrecedente di sergio garbellini >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

sergio garbellini ha pubblicato in questo sito:

 Le sue 229 poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Le donne sono il sole della vita (23/02/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 
I femminicidi sono orrendi omicidi (10/05/18)

Una proposta:
 
La donna resta il simbolo dell’amore (08/05/18)

La poesia più letta:
 
L'età delle donne (... è top- secret) (14/03/13, 5024 letture)


  


sergio garbellini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

229 poesie sulle donne:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

sergio garbellini Leggi la biografia di questo autore!




Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie sulle donne più recenti
nel sito: